A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Paola Marotta: Governo del territorio ed emergenza: pratiche di prevenzione per il XXI secolo

tesi sostenuta _  Il progetto c.a.s.e. in fase di realizzazione a L’Aquila, e il modello insediativo proposto, costituiscono uno dei tasselli del processo di ricostruzione che può essere inteso come un piano di governo. In questa operazione la disciplina urbanistica diventa determinante per la ridefinizione del ruolo della città di L’Aquila nel suo territorio.

campo entro il quale la tesi trova argomentazioni/confutazioni _ il processo di ricostruzione implementato a L’Aquila propone alcuni aspetti innovativi sui quali occorre riflettere; un processo che non intende certo risolvere o liquidare tutte le problematiche innescate dal terremoto del 6 aprile ma che comunque assume caratteri di peculiarità nel coniugare la sicurezza antisismica degli edifici con la sostenibilità. A questo occorre aggiungere la problematica relativa all’assenza, nei processi di pianificazione, di politiche di prevenzione in materia di rischi sismici. Attualmente un ruolo marginale viene relegato al tema della micro zonazione sismica e della definizione di metodologie e procedure da applicare per introdurre elementi di sicurezza come fattori strutturanti per le ipotesi di sviluppo e le scelte localizzative nel governo del territorio.

prospettive di lavoro _ la descrizione del progetto c.a.s.e. si pone l’obiettivo di analizzare la portata del ruolo sociale dell’urbanistica in contesti per certi aspetti emergenziali ma, per altri, propri di situazioni consolidate di frammentarietà e degrado di città e territori. Le propspettive di lavoro intendono indagare sulle seguenti questioni: 1. cosa fare nelle frazioni aquilani in cui il processo di spopolamento era già in atto e ora è incrementato a causa del sisma; 2. cosa fare di tutti quegli agglomerati condominiali ormai inagibili realizzati nell’estesa, e frammentata, periferia aquilana; 3. quali metodologie e procedure definire per introdurre elementi di sicurezza come fattori strutturanti per le ipotesi di sviluppo e le scelte localizzative; 4. come coniugare innovazioni tecnologiche in materia di antismicità con le istanze del territorio, dell’ambiente, del paesaggio? in quanto tempo è possibile disegnare un piano di governo del territorio che possa “ridefinire” il nuovo assetto territoriale aquilano.

Paola Marotta, Dipartimento Città e Territorio, Università di Palermo, paolamarotta@architettura.unipa.it

Comments are closed.