A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Massimo Carta: Tempi del paesaggio e tempi della crisi: Puglia e Sardegna a confronto

tesi sostenuta _ La tesi parte dal presupposto che nei momenti di crisi (intendendo con questo termine abusato una serie di manifestazioni di fenomeni complessi, e la diversa percezione di quelle manifestazioni e di quei fenomeni), nelle contigenze dettate spesso dalle dinamiche economiche globali, siano i contesti del Mezzogiorno d’Italia i più esposti, nel nostro Paese, a pressioni trasformative repentine e pericolose. Sostiene che spesso proprio nelle regioni (i) dove la crescita industriale è stata minore, oppure non è stata introiettata completamente dal tessuto economico sociale; (ii) dove i grandi interventi di localizzazione di poli industriali hanno spesso fallito o mostrano le corde per l’innalzamento degli standard di sicurezza ambientale; (iii) dove i tessuti e le pratiche della produzione rurale si trovano esposti anch’essi alle dinamiche della ennesima crisi; (iv) dove (per il minor controllo sociale e/o la minore efficienza della macchina amministrativa) le aspettative di investitori specie nel campo delll’immobiliarismo e delle energie (rinnovabili o meno) sono nutrite da una situazione di continuo indebolimento del controllo pubblico: ebbene la tesi afferma che proprio in questi luoghi le “risposte” che la nostra disciplina deve tentare di dare debbono affiancare ad una estrema competenza nel trattamento degli aspetti normativi una attenzione precisa alle potenzialità di innovazione dei contesti, che si tramuti in politiche, azioni, progetti, e di nuovo in riferimenti normativi. Proprio in questi contesti la nostra azione deve tentare di rallentare le trasformazioni pericolose e di accelerare le innovazioni indispensabili.

campo entro il quale la tesi trova argomentazioni/confutazioni _ in generale, nel campo della recente azione di pianificazione paesaggistica regionale: nell’orientamento dei quadri conoscitivi, nella definizione dei punti da condividere e sui quali misurare la portata delle trasformazioni; nella gestione operativa dell’innovazione.

prospettive di lavoro _ si aprono sfide interessanti ma estremamente impegnative, in un Paese nel quale lo statuto dell’urbanista si indebolisce percettibilmente. Proprio la crisi, con il suo mostrare ciclicamente la debolezza dei discorsi “sviluppisti”, può aiutarci ad affermare modelli più maturi di sviluppo (e di trasformazione) dei nostri territori, in particolare in riferimento al tema del consumo di suolo.

Massimo Carta, Università degli Studi di Firenze, DUPT

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>