A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Nicola Martinelli, Sergio Bisciglia, Silvia Micunco: Periferie pubbliche e nuova dimensione della città contemporanea

tesi sostenuta _ Elemento centrale della riflessione portata avanti in questa sede è il ruolo inedito, che la modalità di osservazione del rapporto centro-periferia, dischiude per i quartieri di edilizia residenziale pubblica e per le politiche di riqualificazione degli stessi: quanto la loro posizione decentrata, condizionata negativamente dalle originarie scelte localizzative dei programmi pubblici (stigmatizzata come causa principale di tante patologie), se guardata nel più vasto quadro dei processi di riassetto istituzionale e territoriale delle aree metropolitane, possa, in effetti, suggerire nuove potenzialità di rinnovo urbano.

campo entro il quale la tesi trova argomentazioni/confutazioni _ “Ri-centralizzare i quartieri di edilizia sociale” e “Riconoscere oggi il ruolo svolto dalla città pubblica” sono due slogan ricorrenti nelle retoriche delle politiche e delle pratiche di riqualificazione e rigenerazione del vasto patrimonio dei quartieri di edilizia pubblica, parte rilevante e morfologicamente ancora riconoscibile nei contesti urbani contemporanei. Accanto a ciò però considerevoli problemi si frappongono ad un “ritorno dei quartieri” come entità caratterizzate e facilmente individuabili nei processi di metropolizzazione. La città contemporanea, peraltro, investita dai fenomeni di “esplosione” fisica (Indovina et al.), sembra non avere più dimensioni, e la “decontestualizzazione” è uno dei suoi connotati più espliciti e generalizzati. Espansione della città sull’area vasta, e contemporanea compressione del rapporto spazio-tempo (Indovina e Amin e Thrift) tende ad annullare le distanze facendoci immaginare e/o abitare una “città infinita”.

prospettive di lavoro _ A partire da queste considerazioni generali di un possibile rapporto tra dimensione della città contemporanea e quartieri di edilizia residenziale, il contributo prova a fare una rilettura delle nuove politiche abitative della Puglia a partire dall’esperienza dei Programmi Integrati di Riqualificazione delle Periferie (PIRP).

 

Nicola Martinelli, professore associato di Urbanistica, Dip. ICAR, Facoltà di Architettura, Politecnico di Bari, n.martinelli@poliba.it

Sergio Bisciglia, Ricercatore in sociologia dell’ambiente e del territorio, s.bisciglia@poliba.it

Silvia Micunco, borsista Politecnico di Bari, micunco@hotmail.it

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>