A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Antonia Cataldo, Valerio Di Pinto: Città e politiche comunitarie: “vecchi” approcci e nuovi strumenti. Una proposta di riqualificazione per la città di Avellino.

Il rinnovato scenario politico e socio-economico che negli ultimi anni caratterizza la quasi totalità del contesto continentale europeo suggerisce, nel campo del governo delle trasformazioni urbane, di porre l’attenzione tanto all’adeguatezza della strumentazione urbanistica, quanto alla possibilità di rendere più fecondo il rapporto tra la sfera tecnica e la sfera amministrativa dell’urbanistica stessa. L’obiettivo di favorire l’integrazione a tutti i livelli della pianificazione rende sempre più imprescindibile il rapporto con gli enti sovranazionali.

In questo contesto, l’Unione Europea rappresenta il riferimento e l’opportunità più diretti, ovvero un insieme tanto di buone pratiche da condividere cui attingere, quanto di capacità operativa di spesa, garantita dalla veicolazione di fondi destinati alla riqualificazione e allo sviluppo di spazi urbani. In ambito comunitario, la città va sempre più assumendo un ruolo nodale, tant’è che nella nuova programmazione 2007/2013 è introdotta per la prima volta una vera e propria politica urbana. L’approccio adottato resta ancora legato alla logica area-based dell’esperienza Urban.

Inquadrato in questo scenario, il lavoro propone uno specifico ed innovativo processo metodologico, destinato tanto ai planners quanto alle amministrazioni, testato sulla città di Avellino, coerentemente con le indicazioni regionali (P.O. FESR Campania 2007/2013) correlate ai nuovi strumenti PIU’ EUROPA, volani della politica urbana comunitaria nella vigente programmazione.

In definitiva, traguardando l’obiettivo di generare competitività dei territori facendo leva sulle identità locali e sul potenziale della produzione e delle imprese, si offre uno strumento di supporto tanto all’applicazione operativa quanto al fervente dibattito sulla necessità di un approccio integrato alla pianificazione.

 

Antonia Cataldo, Valerio Di Pinto,  DiPiST- Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio, Università degli Studi di Napoli Federico II, cataldo@unina.it, valepinto@tin.it

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>