A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Anna Laura Palazzo, Lucio Giecillo: Territori dell’urbano. Spazi, processi, politiche, nella costruzione della città pubblica.

tesi sostenuta _ La crisi del sistema economico e finanziario che ha investito il mondo occidentale dopo alcuni decenni di crescita, sollecita diverse riflessioni sul ruolo delle città nella costruzione di una prospettiva di azione che sappia coglierne e intercettare gli elementi di rinnovamento e vitalità.

Il presente contributo intende esplorare le correlazioni tra le trasformazioni dell’urbano, condizione questa non più strettamente legata alla forma-città tradizionale, e l’emergere di pattern socio-spaziali articolati dalle nuove geografie della globalizzazione.

La fibrillazione della coppia urbano-città, seguita al collasso delle strutture di senso ereditate (come ad esempio il vicinato, la comunità-quartiere, la strada), ispirate alla persistenza del primato della prossimità, offre da questo punto di vista notevoli spunti verso la costruzione di un’idea di urbano come ambito di confronto (ambivalentemente inteso come convergenza o conflitto) tra molteplici forme dell’organizzazione spaziale e variabili modi dell’interazione sociale.

Intensità, co-spazialità, connettività, come ha dimostrato anche il recente concorso di idee per il Grand Paris, rielaborano gli elementi tradizionali dell’urbano ponendo problema agli universalismi dei sistemi di welfare e alle loro trascrizioni nella città pubblica. E appare sempre più chiara l’esigenza di traguardare i nuovi obiettivi globali legati all’emergenza ambientale (la metropoli del dopo-Kyoto) attraverso azioni e misure che a partire dalla dimensione fisica e concettuale della prossimità risalgono per via induttiva verso la “scala urbana” e verso il “globale” secondo itinerari non pre-determinati.

Il progetto urbano, meno assertivo che per il passato, diventa in queste letture una sponda di prospettiva rispetto alla quale “misurare” il grado di coerenza e sostenibilità di scelte e decisioni pubbliche.

campo entro il quale la tesi trova argomentazioni/confutazioni _ Il contributo intende collocarsi in quell’ambito degli studi urbani dove converge l’attenzione di discipline diverse quali la geografia umana, la political economy, i globalization studies. In esso ricadono aspetti legati ai riflessi della globalizzazione sulle dinamiche culturali e sui processi di modificazione del tessuto urbano.

prospettive di lavoro _ La prospettiva di lavoro consiste nel predisporre elementi di conoscenza per la costruzione di dispositivi e misure di politica urbana in grado di cogliere la natura molteplice e mutevole del cambiamento e di accompagnarne gli sviluppi.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>