A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Stefano Aragona: Paesaggio ed energia: spazio e formazione di nuova cultura

tesi sostenuta _ Leggi e norme sono certamente rilevanti nell’indirizzare i processi di antropizzazione ma questi sono definiti dalla formazione di una nuova cultura del vivere e progettare i luoghi dell’uomo e quindi da un diverso rapporto tra questo e la natura: un approccio integrato e strategico propositivo capace di valorizzare le molteplici indicazioni esistenti in direttive, strumenti e normative. Questa filosofia può condurre a ri-scoprire un senso al territorio dell’uomo, essere un’occasione per dare o ridare qualità agli insediamenti ed ai paesaggi, una rigenerazione sociale e culturale.
Sono ormai evidenti le inaccettabili dissipazioni energetiche, la crescente occupazione di suolo, sia in aree urbane che extraurbane, per lo più incontrollata rispetto la qualità sia della organizzazione dello spazio, della morfologia, della tipologia, della scelta dei materiali, ma sia anche alla sua gestione, alla consapevolezza che le comunità hanno degli effetti, dei limiti, e delle opportunità nuove.

prospettive di lavoro _ Il paper si pone l’obiettivo di mettere a punto una serie di riflessioni e di strumenti teorici, metodologici e pratici finalizzati alla comprensione delle problematiche che il superamento di quei limiti sta ponendo. Al tempo stesso, s’intende evidenziare l’importanza della individuazione degli elementi in grado di ribaltarli in vista di una crescita civile e culturale della comunità insediata. Ciò richiede un costante dialogo, reale ed operativo, tra le varie discipline che in particolare si occupano del controllo dei processi di trasformazione dello spazio.
Tutto ciò implica il confronto con varie tematiche coinvolte in tali processi. L’organizzazione dello spazio, cioè la pianificazione, la progettazione territoriale ed urbanistica, la morfologia e la tipologia edilizia, ed il rapporto con le componenti naturali ovvero l’acqua, l’aria, la flora, la terra; il disegno, quindi la forma, la strutture, i materiali; le valutazioni multicriteria degli impatti e/o effetti, positivi e non, delle diverse azioni di piano e/o progetto. Con approccio pluridisciplinare si sollecita il dialogo fra ambiti scientifici, culturali e tecnici diversi che tuttavia partecipano, come si è detto, alla formazione dell’ambiente costruito, un dialogo che si spinga a considerare l’aspetto economico e il costo energetico delle trasformazioni, i materiali e, infine, il rapporto tra lo specifico contesto spaziale e la natura del materiale stesso.
Enfasi viene data alle condizioni al contorno, cioè al contesto, fisico e sociale che caratterizza ciascuna diversa situazione. Condizioni che, invece che vincoli, vanno considerate quali suggerimenti di piano e/o di progetto. Questo implica una profonda conoscenza delle diverse tematiche prima citate da parte dei tecnici, degli amministratori e degli abitanti/fruitori degli spazi che si vanno a costruire, da un lato, e ripensamento, riqualificazione degli esistenti.

 

Stefano Aragona, Dip. Scienze Ambientali e Territoriali, Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, saragona@unirc.it

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>