A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Ferrari Myriam: Un campo di applicazione per lo sviluppo sostenibile: le periferie

tesi sostenuta _ I nuovi modi di abitare la città contemporanea risentono inevitabilmente dei profondi mutamenti avvenuti nel tempo sugli stili di vita dei cittadini, scanditi sempre più spesso da ritmi frenetici  in cui la mobilità riveste un ruolo centrale per lo svolgimento delle funzioni quotidiane. I fabbisogni dei cittadini si sviluppano in tempi sempre più ridotti. Cresce l’esigenza di abitare in contesti urbani più vivibili, in cui la condivisione di valori e di esperienze sociali diventa elemento essenziale delle relazioni  umane. In tal senso, si sviluppa il concetto della “sviluppo sostenibile”, definito dal rapporto Bruntland nel 1987, come “lo sviluppo che risponde alle necessità del presente, senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie esigenze”.[1]

campo nel quale la tesi trova argomentazioni/confutazioni _ Il presente lavoro prende spunto dal concetto di  “sviluppo sostenibile” largamente promosso dalla Comunità Europea mediante gli obiettivi strategici prefissati dal Protocollo di Kyoto. Le tematiche  introdotte segnano la nascita di un approccio innovativo e attento all’utilizzo delle risorse territoriali mediante l’uso di fonti alternative e di materiali ecocompatibili. Non meno importante è il tema della mobilità, strettamente connesso al tema della sviluppo sostenibile. In tal senso, la combinazione dei fattori ecologici ed economici, trova larga applicazione nelle periferie, un tempo luoghi privi di identità, ora laboratori di sperimentazione per nuove opportunità.

prospettive di lavoro _ Il presente contributo si propone di analizzare in che misura può incidere l’integrazione di fonti alternative e di materiali ecocompatibili nello sviluppo sostenibile di aree periferiche. Inoltre, si propone di mettere in evidenza il ruolo delle periferie nella pianificazione territoriale del XXI secolo,  già evidenziato dai progetti di riqualificazione attuati in Italia, ma con l’adozione di criteri di pianificazione e di progettazione innovativi che rappresentano l’evoluzione di pensiero della società moderna.

Ferrari Myriam, Università della Calabria – Facoltà di Ingegneria – Dipartimento di Pianificazione Territoriale, myriam.ferrari@unical.it


[1] Rapporto Bruntland  documento rilasciato nel 1987 dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo

( WCED)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>